All Posts By

Redazione

Webinar Firma Digitale e App M.DESKTOP

Affari Generali | Webinar Gratuito

venerdì 16 febbraio 2018, ore 11:00

Presentazione di moduli dell’applicativo J-Iride per la gestione delle operazioni di firma digitale tramite le funzionalità di lista firma e gestione della firma remota. Verrà inoltre illustrata l’app M.DESKTOP come strumento di gestione scrivania e ricerche tramite dispositivi mobili Android e IOS.

 

Ti aspettiamo al webinar!

Iscriviti Ora!

 

Registro Accesso Atti, Documenti e informazioni in J-Iride | Webinar

Trasparenza | Webinar Gratuito

venerdì 15 dicembre 2017, ore 11:00

Registro Accesso Atti, Documenti e informazioni in J-Iride.

Per ottemperare alle richieste del D.Lgs. 33/2013, del D.Lgs. 97/2016 e la Circolare n.2/2017 del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione, si illustra in Jiride la soluzione per la gestione delle quattro tipologie di accesso previste: accesso civico generalizzato (FOIA), accesso civico semplice, accesso documentale e istanza di riesame di accesso civico generalizzato.

Ti aspettiamo al webinar!

Iscriviti Ora!

 

E-Procurement e Procedure Telematiche, Webinar 5/12

Appalti e Contratti | Webinar Gratuito

martedì 5 dicembre 2017, ore 11:00

Descrizione dei servizi erogati dal gruppo Maggioli per accompagnare l’Ente nell’affrontare la sfida dettata dal passaggio dalla gestione cartacea alla gestione telematica delle procedure di appalto. Dimostrazione pratica della gestione di una procedura telematica tramite l’utilizzo della piattaforma di e-procurement Appalti & Contratti.

Ti aspettiamo al webinar!

Iscriviti Ora!

 

Suggerimenti in attesa dell’ANPR

anpr-piccolo

Cosa devono / possono fare le anagrafi dei comuni in attesa del subentro in ANPR?

  • dovranno aver autenticato con il certificato e la Smart-Card ricevute dal Ministero, tutte le postazioni per l’accesso sia ai Web Services che all’applicativo Web di gestione di ANPR
  • dovranno allineare (verificare e bonificare) i loro DB controllando le posizioni dei CF non validati e/o delle posizioni trasmesse e non andate a buon fine utilizzando la versione INA SAIA attuale e tutte le incongruenze evidenziate dalle verifiche segnalate dal Software.

Cosa fornirà Maggioli Informatica nella proposta del  “pacchetto  ANPR”

(chiedere la proposta al commerciale di riferimento sul territorio)

  • un modulo che permettera’ di controllare e monitorare la propria anagrafe che segnala tutte le anomalie che impediscono il popolamento di ANPR (le modifiche saranno a carico del personale dell’ente)
  • un modulo che permetterà di popolare i dati anagrafici da APR in ANPR in base alla data del subentro comunicata dal Ministero
  • l’integrazione dei WebServices tra il software Demos attualmente in uso ed il portale di ANPR
  • i servizi necessari a installare/configurare ed avviare l’integrazione del Sw Maggioli con ANPR

A richiesta cosa potrebbe fornire Maggioli Informatica?

(da quantificare a richiesta)

  • altri servizi di consulenza aggiuntivi e necessari a ricalibrare gli ambiti di lavoro presso gli uffici dei servizi Demografici
  • supporto nell’analisi delle situazioni anomale segnalate dalla procedura, con eventuali interventi da remoto per modifica sul BD dell’ente.

Digitalizzazione della PA e le condizioni per l’effettivo cambiamento

Una domanda che ci si pone spesso è: come la digitalizzazione della PA può essere un fattore di risparmio?

La digitalizzazione della PA avviene “grazie” a switch-off legislativi, più che a scelte consapevoli. In primis vanno ricordati la modifica intervenuta nel Codice dei Contratti (nullità dei contratti non redatti e approvati in forma digitale), il DPCM 12 gennaio 2015 (digitalizzazione dell’intero ciclo/produzione della PA), fattura elettronica.

Un processo di digitalizzazione della PA fondato esclusivamente sugli switch-off sollecita e costringe la burocrazia a cambiare. Tuttavia se questi processi “non sono accompagnati”, mostrano, alla lunga tutti i limiti sia sul versante dell’efficienza, che su quello del risparmio. Se vorrà generare effetti positivi, la digitalizzazione insomma, non può essere vissuta dalla Pubblica Amministrazione come una sorta di coercizione. Gli investimenti nel digitale sono vissuti come un “costo” dagli Amministratori (ciò vale anche nel mondo delle imprese private).

Se motivati e finalizzati, gli investimenti, nel tempo, potranno generare risultati/benefici ed essere una condizione per ottenere risparmi importanti, per guadagnare in efficienza, per migliorare il rapporto difficile che oggi intercorre tra la Pubblica Amministrazione e i cittadini.

Per realizzare efficacemente i processi di digitalizzazione ci sarà bisogno, tuttavia di una crescita, sia nella Pubblica Amministrazione, che tra i cittadini, della cultura digitale. In questo senso, è necessario intraprendere in modo strutturato ed organizzato politiche di alfabetizzazione digitale della popolazione.

Anche gli operatori e i fornitori della Pubblica Amministrazione, devono partecipare con una logica di co-progettazione a questi processi. È necessario arrivare a forme di co-progettazione tra fornitori e clienti.
È finita l’epoca della fornitura “verticale” di prodotti e servizi.

In sintesi: i processi di digitalizzazione (e i conseguenti risparmi) avverranno in Italia “a macchia di leopardo”. Nel consolidarsi di questa “geografia dell’innovazione” influiranno la vision degli Amministratori più avveduti che gestiranno i processi anche con l’obiettivo di favorire il dialogo e la partecipazione dei cittadini.

Peserà tuttavia la logica degli switch-off. Se le modifiche legislative non saranno accompagnate da un supporto culturale e di competenze, i processi di cambiamento non dispiegheranno tutti i risultati attesi.

Per continuare ad utilizzare il sito, accetti l'utilizzo dei Cookies Più informazioni

Per continuare ad utilizzare il sito, accetti l'utilizzo dei Cookies. Maggiori informazioni e l'informativa, li puoi trovare su www.maggioli.it/cookies

Chiudi